Comune di Enemonzo

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Comune di Enemonzo > Amministrazione > Giunta Comunale

La giunta Comunale

SINDACO: Sig. Franco Menegon

Riceve i giorni:

  • il lunedì mattina dalle ore 10:00 alle ore 12:00
  • venerdì sera o sabato mattina, su appuntamento

Referati:

 

VICE SINDACO: Prof.ssa Vanda Puicher

Riceve i giorni: dal martedì al giovedì mattina, dalle ore 11:00 alle ore 12:00 oppure su appuntamento

Referati:

ASSESSORE: P.i. Fabrizio Lupieri

Riceve i giorni:  venerdì sera, dalle ore 18:00 alle ore 19:00 oppure su appuntamento

Referati:

 

ASSESSORE: P.i. Homar Pivotti

Riceve i giorni: mercoledì pomeriggio, dalle ore 17:00 alle ore 18.00 oppure su appuntamento

Referati:

Estratto dello Statuto

 

Giunta Comunale

La Giunta è organo di impulso, collabora col Sindaco al governo del Comune e impronta la propria attività ai principi della trasparenza e dell'efficienza.
Adotta tutti gli atti idonei al raggiungimento degli obiettivi e delle finalità dell'ente nel quadro degli indirizzi generali e in attuazione delle decisioni fondamentali approvate dal Consiglio Comunale. In particolare, la Giunta compie tutti gli atti che non siano riservati dalla legge o dal presente Statuto alla competenza di altri soggetti e comunque tutti gli atti rientranti nelle funzioni degli organi di governo. Verifica inoltre la rispondenza dei risultati dell'attività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti.
La Giunta riferisce annualmente al Consiglio Comunale sulla sua attività.


Composizione

La Giunta è composta dal Sindaco e da 2 a 4 Assessori di cui uno è investito della carica di ViceSindaco.
Gli Assessori sono scelti normalmente tra i consiglieri; possono tuttavia essere nominati anche Assessori esterni al Consiglio, purché dotati dei requisiti di eleggibilità, compatibilità e candidabilità alla carica di consigliere comunale ed in possesso di particolare competenza ed esperienza tecnica, amministrativa o professionale.
Gli Assessori esterni possono partecipare alle sedute dei Consiglio ed intervenire nella discussione ma non hanno diritto di voto.


Nomina

Il ViceSindaco e gli altri componenti della Giunta sono nominati dal Sindaco e presentati al Consiglio Comunale nella prima seduta successiva alle elezioni.

Il Sindaco può revocare uno o più Assessori dandone motivata comunicazione al Consiglio e deve procedere alla loro sostituzione entro 15 giorni dalla data di cessazione della nomina.
Le cause di incompatibilità, la posizione e lo stato giuridico degli Assessori nonché gli istituti della decadenza e della revoca sono disciplinati dalla legge; non possono comunque far parte della Giunta il coniuge, gli ascendenti , i discendenti, i parenti e affini fino al terzo grado del Sindaco.
Salvi i casi di revoca da parte del Sindaco la Giunta rimane in carica fino al giorno della proclamazione degli eletti in occasione del rinnovo del Consiglio Comunale.


Funzionamento della Giunta

La Giunta è convocata e presieduta dal Sindaco, che coordina e controlla l'attività degli Assessori e stabilisce l'ordine del giorno delle riunioni, tenuto conto anche degli argomenti proposti dai singoli Assessori.

Le modalità di convocazione e di funzionamento della Giunta sono stabilite in modo informale dalla stessa. Le sedute sono valide se sono presenti metà più uno dei componenti e le deliberazioni sono adottate a maggioranza dei presenti.


Competenze

La Giunta collabora con il Sindaco nell’Amministrazione del comune ed opera attraverso deliberazioni collegiali.

La Giunta compie tutti gli atti di amministrazione che non siano riservati per legge al Consiglio e che non rientrino nelle competenze, previste dalle leggi e dallo Statuto, del Sindaco, degli organi di decentramento, del Segretario o dei Titolari di posizione organizzativa, collabora con il Sindaco nell’attuazione degli indirizzi generali del Consiglio, riferisce annualmente al Consiglio della propria attività e svolge attività propositive e di impulso nei confronti dello stesso.

Alla Giunta competono, in particolare, le seguenti specifiche attribuzioni:

a) assume attività di iniziativa, di impulso e di raccordo con organi di partecipazione;

b) approva i programmi esecutivi, i progetti, i disegni attuativi dei programmi, le linee-obiettivo degli indirizzi deliberati dal Consiglio;

c) approva i progetti preliminari e definitivi delle opere, delle forniture e dei servizi pubblici;

d) definisce, sulla base del Bilancio di Previsione annuale e pluriennale deliberato dal Consiglio, il piano degli obiettivi e delle risorse;

e) affida gli obiettivi di gestione unitamente alla dotazione necessaria ai Titolari di posizione organizzativa e fissa i criteri che costituiranno guida all’attività spettante ai responsabili;

f) definisce le condizioni ed approva le convenzioni con soggetti pubblici e privati, concernenti opere e servizi ed in materia urbanistica, fatte salve le competenze consiliari;

g) fissa la data di convocazione dei comizi per i referendum consultivi comunali e costituisce l’ufficio comunale per le elezioni, cui è rimesso l’accertamento della regolarità del procedimento;

h) dispone l’accettazione o il rifiuto di lasciti e donazioni che non abbiano ad oggetto beni immobili;

i) dispone la costituzione in giudizio del Comune, come attore o convenuto, ed approva le transazioni, se non di competenza di altri organi. Non occorre deliberazione preventiva per la costituzione e resistenza in giudizio nel contenzioso relativo a violazioni del codice della strada, a violazione di norme regolamentari o di carattere tributario nel caso in cui non necessiti la rappresentanza di un legale, intendendosi in questo caso la rappresentanza giudiziaria delegata ai Titolari di posizione organizzativa;

j) approva modelli di rilevazione per il controllo economico interno di gestione;

k) determina nel rispetto del regolamento e degli accordi decentrati, i parametri e gli standard di produttività ed i carichi funzionali di lavoro;

l)  definisce le linee fondamentali di organizzazione degli uffici, individuando gli uffici di maggiore rilevanza ed i modi di conferimento della titolarità dei medesimi, determina la dotazione organica complessiva;

m) opera scelte nell’ambito della discrezionalità amministrativa con l’indicazione dei fini e l’individuazione delle scale di priorità;

n) si esprime in merito alla necessità di sottoporre eventuali piani o programmi a Valutazione Ambientale Strategica.